Manifattura Fratelli Bosio

Image
Image

Il maglificio, dipendente dalla Manifattura Fratelli Bosio Società Anonima, venne fondato nel 1871 dai fratelli Pietro ed Augusto Bosio a Sant'Ambrogio di Torino. Di origine svizzera, la famiglia Bosio si era da tempo inserita nel tessuto produttivo torinese grazie al birrificio di cui era proprietaria. L'investimento fu facilitato dall'intermediazione del Comune, che garantì ai Bosio la possibilità di prelevare tutta l'acqua necessaria alle lavorazioni dal canale Cantarana, derivato dalla Dora Riparia. Influì d'altronde sulla scelta della località la vicinanza della linea ferroviaria Torino - Susa. Lo stabilimento, dove Alessandro Neveux dirigeva una sessantina di operai, ebbe come prima specializzazione la filatura dei cascami di cotone e la produzione di maglieria. Nei trent'anni seguenti, fu potenziato fino a vantare una forza motrice installata pari a 300 cavalli vapore e ad impiegare un migliaio di dipendenti, permettendo all'azienda di esportare maglie di cotone in India, Egitto, Cina e nelle Americhe. L'edificio principale del maglificio si caratterizza per la facciata di gusto neogotico, vicino ad alcune tendenze moderniste dell'architettura eclettica di quegli anni. È composta da quattro corpi principali a cui si intervallano tre corpi di minor altezza, stilisticamente alleggeriti da numerosi archi a tutto sesto.
Ilaria Pettigiani ed Eloisa Bosio, IV A AFM

HOME