Il 18 gennaio 2017, su proposta del Comune e della sezione dell'Anpi, l'artista tedesco Gunter Denmig ha posato tre Pietre d'inciampo ad Avigliana per ricordare Maurilio Borello, Giuseppe Bruno e Renzo Suriani, vittime della deportazione nei campi di sterminio e di concentramento nazisti. La Pietra d'inciampo è un cubetto di porfido su cui è applicata una targhetta di ottone che reca inciso il nome della persona, l'anno di nascita, la data dell'arresto, la data della deportazione e, qualora sia deceduta in un lager, la data e il luogo della morte. Questo piccolo monumento, presente in oltre 60.000 esemplari in tutta Europa, viene installato davanti all'ingresso dell'ultima abitazione della vittima affinché i passanti non dimentichino chi ha subito un crimine contro l'umanità. Guidati dai docenti Marina Portigliatti, Anna Prina, Maura Roglio, Rita Sola e Marco Sguayzer, alcuni studenti del nostro Istituto hanno ricostruito le biografie dei tre aviglianesi e ne hanno contestualizzato le drammatiche vicende di deportati nei lager nazisti.

-->